Teleriscaldamento, al via i lavori per la definizione di linee guida Uni

10/04/2019

L’ente di unificazione lavorerà su alcuni macro-ambiti di azione, tra i quali il servizio di pronto intervento e di gestione delle emergenze e la qualità e la gestione del fluido termovettore

La giunta esecutiva dell’Uni ha approvato l’avvio dei lavori di elaborazione di due nuovi progetti di linee guida su temi connessi al teleriscaldamento e teleraffrescamento, sulla base di una proposta avanzata dal Comitato Termotecnico Italiano energia e ambiente (Cti) nell’ambito del protocollo di collaborazione sottoscritto con l’Arera.

L’Autorità per l’Energia, ricorda una nota, al fine di supportare tecnicamente la sua attività di regolazione tramite specifiche delibere, ha sottoscritto il protocollo con il Cti per lo sviluppo di documenti tecnici normativi su vari temi connessi con il servizio del teleriscaldamento e teleraffrescamento. In particolare, si è ipotizzato di lavorare su alcuni macro-ambiti di intervento: connessioni di terzi alle reti e gestione delle stesse, qualità del servizio, continuità e sicurezza del servizio, metering, efficienza energetica, definizione dei parametri tecnici rappresentativi della rete.

In tale contesto, Cti e Arera hanno individuato due temi prioritari, cui si riferiscono le linee guida: il servizio di pronto intervento e di gestione delle emergenze e la qualità e la gestione del fluido termovettore.

Per quanto riguarda il pronto intervento e le emergenze, l’obiettivo delle linee guida è definire le modalità con cui il singolo gestore dovrà intervenire a seguito di segnalazioni di anomalie sulla rete, sugli allacciamenti e nelle sottostazioni di utenza. Il documento sarà elaborato sulla falsariga di analoghe linee guida per i settori gas e acqua potabile.

In merito al secondo tema prioritario, le linee guida definiscono le modalità di gestione del fluido termovettore (acqua) che circola nelle reti di teleriscaldamento e teleraffrescamento, al fine di prevenire potenziali danni all’infrastruttura e migliorare le prestazioni dell’intero sistema.

I lavori su entrambi i progetti di prassi di riferimento saranno avviati il prossimo 15 aprile a Milano con la riunione insediativa del tavolo “Applicazione protocollo Arera-Cti in materia di teleriscaldamento e teleraffrescamento”, costituito da esperti Cti e del sistema Uni.

A cura di www.e-gazette.it