Sardegna, altri 13,5 milioni per l’efficienza nell’edilizia pubblica

21/09/2018

Al bando della regione Sardegna hanno partecipato 259 enti tra Comuni, Province, Comuni, Comunità Montane, Consorzi industriali e Università

La Regione Sardegna ha stanziato ulteriori 13,5 milioni di euro di risorse provenienti dai fondi europei POR FESR 2014-2020 per interventi di efficienza energetica nella pubblica amministrazione presenti nella graduatoria pubblicata a luglio. Il nuovo finanziamento si è reso necessario in seguito al grande interesse suscitato dal bando.

Si sono fatti avanti oltre 259 Enti - tra Comuni, Province, Unioni e Associazioni di Comuni, Comunità Montane, Consorzi industriali e Università, per un totale di 231 proposte che hanno avuto il via libera, di cui 53 finanziate con la dotazione iniziale del bando pari a circa 44 milioni di euro. Con l'incremento delle risorse del programma di efficientamento energetico e micro reti nelle strutture pubbliche della Sardegna, sarà possibile finanziare almeno altre 20 istanze, portando quindi a oltre 84 milioni di euro l’investimento finalizzato alla realizzazione delle opere, considerato il cofinanziamento degli enti proponenti e l’apporto di capitali privati da parte delle ESCO (le Energy  Service Company) certificate che operano nel settore.

“In tal modo - sottolineano gli Assessori dei Lavori Pubblici Edoardo Balzarini e dell’Industria Maria Grazia Piras -  sarà amplificato il risultato atteso dal programma. L’intervento genera grandi vantaggi per cittadini, imprese e pubbliche amministrazioni. Favorisce infatti il contenimento dei consumi energetici da parte degli enti pubblici, la riduzione delle emissioni inquinanti, l'incremento della quota di fabbisogno energetico coperto da generazione distribuita mediante la realizzazione di sistemi intelligenti e la riqualificazione energetica degli edifici pubblici. Inoltre, la realizzazione delle opere, orientate  all’utilizzo di tecnologie innovative, produrrà ricadute occupazionali ed economiche in tutto il territorio”.

Il programma prevede l’utilizzo di circa 58 milioni di euro di risorse delle azioni del POR FESR 2014-2020 con la supervisione dell’Autorità di Gestione competente su questa materia.

A cura di www.e-gazette.it