Legge di Bilancio, il teleriscaldamento escluso dall’Ecobonus

Utilitalia: il mancato inserimento nell’ecobonus non rende giustizia al teleriscaldamento considerato tra i vettori fondamentali per la transizione verde

Nella discussione sulla legge di Bilancio alla Camera il teleriscaldamento è stato escluso dai possibili beneficiari della norma sul Superbonus. Per Giordano Colarullo, direttore generale di Utilitalia (la Federazione delle imprese idriche, ambientali ed energetiche), la decisione rappresenta “un’occasione persa per fornire una risposta strutturale ai problemi della qualità dell’aria che affliggono il nostro Paese”.

“Il teleriscaldamento - spiega Colarullo - è uno dei vettori fondamentali per la transizione verde, che è ormai la strada indicata con decisione anche dall’Unione europea. Per questo motivo, oggi più che mai, è necessario comprenderne l’importanza e supportarne la centralità nel percorso verso la decarbonizzazione intrapreso dal nostro Paese”.

Incrementare la rete di teleriscaldamento presente in Italia porterebbe “grandi vantaggi per l’economia e per l’ambiente, consentendo lo spegnimento di migliaia di vecchie caldaie condominiali altamente inquinanti e sfruttando calore di scarto che andrebbe altrimenti perso in un’ottica di economia circolare; al contrario, l’attuale norma sul superbonus continua ad incentivare le fonti fossili”. Uno studio commissionato da Airu ai Politecnici di Torino e di Milano, ha concluso il direttore generale di Utilitalia, “evidenzia un potenziale di crescita del teleriscaldamento del 400% nel nostro Paese, grazie al calore di scarto proveniente da attività industriali, biomassa e geotermia; ciò permetterebbe di ridurre di oltre 5 milioni di tonnellate le emissioni di CO2 e di ridurre l’inquinamento delle città”.

A cura di www.e-gazette.it

29/12/2020