Forte crescita delle installazioni fotovoltaiche nel 2019

Siamo però ben lontani dalla media annua di 4 GW rinnovabili necessari per traguardare gli obiettivi al 2030: siamo a 55,5 GW installati in Italia

Nel 2019, le nuove installazioni rinnovabili superano complessivamente 1,19 GW di potenza (+10% rispetto al 2018). A registrarlo è l’Osservatorio FER realizzato da ANIE Rinnovabili, associazione di Federazione ANIE. Molto positivo è il contributo per il solo fotovoltaico (+69%), mentre risultano in calo eolico (-19%), idroelettrico (-71%) e bioenergie (-73%). Nonostante si registri nel 2019 un nuovo record di nuove installazioni (nel 2018 i GW installati sono stati pari a 1,09), si è ben lontani dalla media annua di 4 GW necessari per traguardare gli obiettivi al 2030: a fronte di 55,5 GW installati in Italia a fine 2019 al 2030 è stato definito un obiettivo di 95,2 GW, il che presuppone di far affidamento che gli impianti già in esercizio continuino a garantire la produzione in efficienza negli anni a venire.

Nel mese di dicembre si registra una crescita importante delle installazioni fotovoltaiche, con 179 MW. Gran parte del contributo è dato dall’attivazione di alcuni grandi impianti per complessivi 130 MW e più in particolare: in Puglia, un impianto da 86 MW in provincia di Foggia e uno da 5 MW in provincia di Bari, e in Sardegna, 5 unità di produzione per complessivi 43 MW in provincia di Cagliari. Le regioni che hanno registrato il maggior incremento in termini di potenza sono Basilicata, Marche, Molise, Puglia e Sardegna, mentre quelle con il maggior decremento sono Calabria e Piemonte. Le regioni che hanno registrato il maggior incremento in termini di unità di produzione sono Basilicata, Marche, Molise e Puglia, mentre quelle con il maggior decremento sono Umbria e Valle d’Aosta.

Analizzando più in dettaglio i dati nel 2019, il comparto fotovoltaico ha conseguito una crescita di nuova capacità per un totale di 737 MW (+69% rispetto al 2018). In aumento anche il numero di unità di produzione connesse (+18% rispetto al 2018). Il trend delle installazioni di taglia inferiore a 1 MW è risultato in crescita: da una crescita mensile media di 32,5 MW nel 2018 si è passati ad una media mensile di 40 MW. Analizzando l’andamento per i diversi segmenti, il fotovoltaico domestico ha mantenuto un ritmo costante in tutto l’anno 2019: Il fotovoltaico terziario/industriale ha avuto invece un incremento in particolare nel secondo e terzo trimestre del 2019. Si inizia invece ad intravedere il contributo che possono apportare gli impianti di potenza superiore a 1 MW, soprattutto grazie al nuovo segmento di mercato degli impianti utility scale (> 5 MW) che nel 2019 hanno conseguito il risultato di nuova potenza per 230 MW. Si tratta di impianti a terra che non necessitano di alcuna tariffa incentivante e che negli ultimi 18 mesi stanno attraendo in Italia nuovi investimenti.

Esaminando, invece, i dati dell’ultimo triennio si constata un incremento delle taglie fino a 10 kW, delle taglie tra i 20 ed i 500 kW una notevole crescita nell’ultimo anno degli impianti di taglia compresa tra 200kW e 500kW e degli impianti >1MW.

A cura di www.e-gazette.it

24/04/2020