A Milano 20 milioni per la riqualificazione energetica degli edifici

09/03/2018

Previsto un contributo per la realizzazione di interventi di miglioramento dell'efficienza energetica di interi edifici; scompariranno 3.500 impianti a gasolio

 

Uno stanziamento di 20 milioni di euro per interventi di riqualificazione energetica su edifici di proprietà privata. Questo il provvedimento approvato dal Comune di Milano a conferma della volontà di Palazzo Marino di ridurre le emissioni inquinanti anche attraverso aiuti concreti ai cittadini. Lo stanziamento segna il percorso verso il 1° ottobre 2023, data in cui entrerà in vigore il divieto delle caldaie a gasolio in ogni stabile della città.

Nel dettaglio, la delibera stanzia 20 milioni di euro, suddivisi equamente tra il 2018 e il 2019, per promuovere e agevolare la realizzazione di interventi di miglioramento dell'efficienza energetica di interi edifici e si rivolge ai proprietari, ai condomini, a società, a enti privati o a partecipazione pubblica. Lo stanziamento costituisce un contributo sufficiente alla sostituzione di tutti i 3.500 impianti a gasolio privati ancora presenti a Milano.

Gli interventi ammessi saranno quelli che riguardano direttamente gli impianti termici che potranno essere migliorati o sostituiti, andando così a ridurre l'emissione di inquinanti; ma anche interventi destinati all'efficientamento energetico dell'edificio. Fra le opere per cui è possibile ottenere il contributo, la sostituzione di impianti di riscaldamento a gasolio con caldaie a metano, pompe di calore o altri sistemi meno inquinanti, l'installazione di pannelli solari o fotovoltaici e di isolamenti termici che riguardano la struttura dell'edificio, le finestre e gli infissi e quindi avere un risparmio di consumo energetico e il miglioramento della qualità dell'aria in città.

Il contributo è a fondo perduto e oscilla tra il 5 e il 20% del costo di realizzazione dell'intervento, a seconda della tipologia adottata. Attraverso la partecipazione al bando i privati non dovranno anticipare nessun costo di realizzazione e fin dal primo anno sarà possibile risparmiare tra il 10 e il 20% e, successivamente, fino al 60%, grazie anche alla possibilità che i cittadini hanno di accedere contemporaneamente al sostegno che il Governo mette a disposizione per i medesimi interventi e che consiste in detrazioni fiscali dilazionabili in dieci anni per un valore massimo del 65% del costo dell'intervento.

La delibera detta inoltre anche le linee di indirizzo per l'Avviso pubblico che sarà pubblicato nelle prossime settimane e che ha l'obiettivo di individuare istituti bancari e intermediari finanziari che, attraverso appositi finanziamenti a tasso agevolato, sosterranno fin dall'inizio gli investimenti sostenuti dai cittadini o dagli enti che avranno avuto accesso ai fondi comunali.

Questo importante contributo si inserisce all'interno di un programma di investimenti sulla qualità dell'aria e la vivibilità che l'Amministrazione ha da tempo messo in campo. I privati hanno già potuto accedere al contributo del “bando caldaie” finanziato dal Comune con 1,6 milioni di euro per incentivare il rinnovamento degli impianti degli immobili privati nel biennio attualmente in corso. Inoltre, nei mesi scorsi era stato stanziato un contributo di 2,6 milioni di euro per chi ha installato il filtro antiparticolato sul proprio veicolo alimentato a diesel.

A cura di www.e-gazette.it