Parlamento Ue approva la nuova direttiva efficienza energetica edifici

20/04/2018

Si punta all’introduzione di ICT, più ristrutturazioni e finanziamenti. La decisione passa ora al Consiglio dei Ministri europeo

Via libera definitivo del Parlamento europeo alla proposta di modifica della direttiva sull’efficienza energetica degli edifici. L’obiettivo del provvedimento sancito dal voto prevede la drastica riduzione al 2050 delle emissioni del parco immobiliare e dei consumi energetici, ma anche la creazione di nuovi posti di lavoro grazie alle ristrutturazioni edilizie.

Il prossimo passaggio sarà il via libera del Consiglio dei Ministri europeo che dovrebbe arrivare nelle prossime settimane e dopo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale dell'Unione gli Stati membri dovranno recepirla entro 20 mesi. Si tratta del primo step degli otto punti del programma che punta ad ottenere energia pulita in Europa.

Il percorso di avvicinamento agli obiettivi che l’Unione europea si è data per avere un’edilizia ad alta efficienza energetica prevede l’introduzione di  Information and Communications Technology, ICT e di tecnologie smart per garantire che gli edifici funzionino in modo efficiente, ad esempio introducendo sistemi di automazione e controllo; l'introduzione di un "indicatore di intelligenza", un nuovo strumento che misurerà la capacità degli edifici di utilizzare nuove tecnologie e sistemi elettronici per adattarsi alle esigenze del consumatore, ottimizzare il suo funzionamento e interagire con la rete; il rafforzamento delle strategie di ristrutturazione degli edifici a lungo termine; la mobilitazione di finanziamenti e investimenti pubblici e privati. A queste si aggiunge anche la realizzazione di infrastrutture per la mobilità elettrica in tutti gli edifici.

A cura di www.e-gazette.it