Rinnovabili, nel 2015 le imprese hanno investito 10 miliardi di euro

28/04/2016

Nel 2015 gli investimenti nelle rinnovabili sono aumentati del 31%, specie in Africa e Sudamerica. Cresce anche l’efficienza energetica

 

L’impulso dato dalle rinnovabili ha fatto crescere le aziende italiane, che ora stanno investendo sempre più sui mercati emergenti. È, in sintesi, quanto riporta la nuova edizione del Rapporto Annuale Irex, dal titolo “La trasformazione dell’industria italiana delle rinnovabili, tra integrazione e internazionalizzazione”, realizzato dagli analisti di Althesys. Per il mercato elettrico italiano si delinea - si legge nel report - un futuro di produzione diffusa con impianti di piccola taglia, il cui sviluppo è favorito dalla capacità innovativa della nostra filiera tecnologica.

Nel 2015 si sono registrate 140 operazioni, che hanno dato luogo ad investimenti per 9,9 miliardi di euro, pari a 6.231 MW, ovvero il +31,5% rispetto al 2014. La crescita esterna - per esempio acquisizioni - ha superato quella per linee interne, contando per il 53% del totale. Nuovi impianti e progetti hanno fatto segnare 2.402 MW e 3,77 miliardi di investimenti, con due terzi delle operazioni avvenute all’estero. Al contrario, le operazioni straordinarie si sono focalizzate per il 75% sul mercato domestico; il 51% sono state acquisizioni. I primi dieci player per potenza in Italia hanno effettuato il 46% degli investimenti, con il 51% della potenza.

Il report mette in luce anche la crescita delle operazioni di efficienza energetica: nel 2015 coprono il 17% del totale, contro il 5% dell'anno precedente. Gli accordi di collaborazione pesano per il 38% e sono principalmente partnership strategiche, che vedono coinvolti player energetici e tecnologici per lo sviluppo di sistemi di accumulo da integrare con impianti a fonti rinnovabili, sistemi vehicle-to-grid e smart grid. La digitalizzazione delle reti - si legge nel report - consentirà soluzioni smart, cambierà i modelli di produzione e quelli di consumo, facendo evolvere la filiera tecnologica italiana, con lo sviluppo di nuovi sistemi e modelli di business. La generazione distribuita (che già comprende oltre 600.000 impianti per una potenza di circa 30 GW, il 25% della potenza efficiente lorda italiana) continuerà a crescere con il fotovoltaico previsto nel 2025 fino a 29 GW contro i 19 scarsi attuali.

A cura di www.e-gazette.it